Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Carrier IQ rootkit: 150 milioni di smartphone spiati. Come verificare la presenza sul device

venerdì 2 dicembre 2011

150 milioni di telefoni tracciati. E’ questa la stima degli smartphone Android, iPhone, Nokia e BlackBerry che avrebbero il rootkit, creato dalla società Carrier, e che verrebbero tracciati in tutto e per tutto. Parliamo di SMS, mail, siti visitati (anche con protocollo HTTPS) nonché dati scambiati.



Il rootkit si avvia all'accensione del telefono risultando invisibile all’utilizzatore ed impossibile da rimuovere, o bloccare, senza flashare il sistema operativo del dispositivo.

Il giovane scopritore appena 25enne, Eckhart, parla di smartphone marchiati HTC ma sembra che, il rootkit IQ, sia installato sui devices di tutte le aziende del mondo. Unica nota positiva (se così si può dire) è che i dispositivi sviluppati in collaborazione con Google quali Nexus, Nexus S e Xoom dovrebbero essere immuni.

In questo gigantesco scandalo che coinvolge Carrier IQ si inizia a pensare che, a richiedere l'installazione di tale rootkit, siano proprio i gestori telefonici.


Come verificare se IQ Rootkit è presente nei telefoni Android
Al fine di verificare la presenza del rootkit sono possibili due metodi:

Telefoni rooted
E' necessario collegarsi a questa pagina, scaricare l'APK, installarla manualmente collegando il telefono al computer via USB ed utilizzare un File Manager come Astro per la procedura di setup.

Telefoni non rooted
E' possibile scaricare l'APK gratuita dal Market dal nome "Vodoo Simple CarrierIQ Detector", ancora in versione Beta, ed avviarla.

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek