Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Guida a Sicurpas: criptare credenziali di accesso, files e cartelle

martedì 3 gennaio 2012

Sicurpas è un ottimo software sviluppato in Italia, gratuito e portable, che permette di blindare all’interno di un archivio crittografato le credenziali d’accesso nonché di criptare files e cartelle. Gli algoritmi disponibili sono AES Rijndael a 256 bit, Twofish a 256 bit nonchè Blowfish a 448 bit.



Criptare le credenziali
Il file contenitore si crea cliccando sull’icona presente nella barra degli strumenti a forma di foglio con il lucchetto e denominato “Nuova sheda”.

Nel momento in cui verrà salvato tale file, Sicurpas, chiederà l’inserimento della master key ossia l’unica password che consentirà l’accesso a tutte le credenziali che verranno inserite.

E’ molto importante sceglierne una sufficientemente lunga e complessa al fine di eliminare ogni eventualità di cracking da parte di persone che intendessero visualizzare il contenuto del file criptato.

Il programma è in grado inoltre, su richiesta dell’utilizzatore, di generare password molto complesse per evitare attacchi del tipo “brute force”. Tale funzione è stata chiamata “Blizzard”.

Al fine di accedere a tale funzionalità è sufficiente, nel momento in cui viene salvata la scheda, cliccare sul pulsante a forma di chiave nella sezione “Anti Brute Force Attack”.

La password principale inserita viene inoltre valutata dal programma utilizzando dizionari di italiano, inglese e latino. Tale procedura è importantissima in quanto mira ad accertare che la master key non contenga termini presenti nei dizionari e che non sia un vocabolo conosciuto o, per lo meno, molto utilizzato.

In questo caso, infatti, l’efficacia della master key inserita sarebbe molto bassa e potrebbe essere semplice recuperare le credenziali protette.

Gli archivi delle password vengono memorizzati all’interno di contenitori cifrati denominati “Viking ship” i quali possono essere organizzati in gruppi e sottogruppi.

Sebbene le varie credenziali non dovrebbero essere mai stampate Sicurpas permette, ai più “deboli di memoria”, di generare un alfabeto “alternativo”. In pratica alcune lettere delle credenziali vengono cambiate con altre e, effettuando le giuste sostituzioni, è possibile decodificare username e password stampati nella “modalità protetta”.

Questa funzione è accessibile cliccando sul menu Scheda/Crea alfabeto personale. Dopo aver salvato l'archivio delle password, il programma, sostituirà automaticamente una lettera con un’altra. Stampando il “report matrice” sarà possibile decodificare l’elenco creato.

Chiaramente, il “report matrice” dovrà essere tenuto in un luogo completamente diverso da quello in cui si tiene l’elenco delle credenziali di accesso.

Criptare files e cartelle
Sicurpas permette, inoltre, di crittografare qualsiasi tipo di file e cartella presente nel disco fisso o su unità esterne eseguendo, prima di applicare la cifratura, una compressione sui files superiori ai 7 MB.

E’ possibile, comunque variare tale impostazioni accedendo alla scheda “Compressione” e modificare il valore alla voce “Comprimi i file con dimensione minure o uguale a Kb”.

La funzionalità “Cifratura e compressione degli archivi”, raggiungibile dal menu Strumenti, offre la possibilità di crittografare i vari files e cartelle scegliendo l’algoritmo preferito ed impostando una password.

I pulsanti presenti nella barra degli strumenti consentono, infine, di criptare e decriptare i vari files e cartelle.


Conclusioni
Ottimo programma, ben sviluppato e semplice nell’utilizzo che permette di tenere alla larga occhi troppo indiscreti da dati privati nonché di avere sempre a portata di mano le credenziali di accesso.

Compatibile con Windows XP/Vista/7

Sicurpas

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

2 commenti:

  1. Mariano Ortu ed il suo team ringraziano. Un caro saluto dalla terra dei nuraghi.

    RispondiElimina
  2. @Mariano Ortu
    Grazie a voi per l'ottimo software tutto "made in Italy"!!!! ;-)

    RispondiElimina

L'archivio di TechnoGeek