Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Search Plus Your World: Google diventa più “Social”, Twitter alza la voce e la Privacy è compromessa

mercoledì 18 gennaio 2012






Search Plus Your World è il nuovo algoritmo di Mountain View, per il momento utilizzabile solo tramite Google.com, che trova tutto quello che è stato pubblicato su Google Plus e Picasa al fine di arricchire le ricerche eseguite. Una mossa forse troppo azzardata, da parte di big G, che ha già suscitato malcontenti e che potrebbe mettere in serio pericolo la Privacy dei navigatori.



Utilizzando il pulsante presente nella pagina dei risultati, l’utente, potrà accedere alla nuova funzionalità “Search Plus Your World”; in questo modo sarà possibile estendere la ricerca, oltre alla “normale”, anche all’interno di Google Plus e, quindi, ai relativi profili nonchè contenuti condivisi dagli iscritti.

Nelle ricerche saranno presenti le proprie opinioni, quelle degli amici, le eventuali foto caricate ed i vari commenti inseriti dalle persone relativi all’argomento.

Verranno visualizzate quindi, oltre alle voci relative ai risultati “normali” anche:
  • tutte le informazioni personali condivise tra le proprie cerchie di Google Plus;
  • tutti i profili dei propri contatti di Google Plus;
  • tutte le persone iscritte a Google Plus, le loro relative pagine e foto pubblicate.

La novità, che per molti potrebbe essere allettante, ha già creato diverse perplessità e malumori nel giro di pochi giorni.

Twitter afferma che la nuova funzionalità di Google danneggia seriamente l’azienda e, in un comunicato, riporta: “Per anni le persone si sono affidate a Google per ottenere i risultati più rilevanti in qualsiasi momento volessero trovare qualcosa su Internet. Spesso vogliono saperne di più sugli eventi mondiali e le ultime notizie. Twitter è emersa come una fonte vitale dell'informazione in tempo reale, con oltre 100 milioni di utenti che inviano 250 milioni di tweet ogni giorno su qualsiasi argomento. Come abbiamo visto più volte, le notizie fresche, arrivano prima su Twitter; il risultato è che gli account Twitter e i tweet sono spesso tra i risultati più rilevanti. Siamo preoccupati perché, in seguito ai cambiamenti apportati da Google, trovare queste informazioni sarà molto più difficile per tutti. Pensiamo che sia un male per le persone, gli editori, le agenzie di stampa e gli utenti Twitter”.




Anche la EPIC (Electronic Privacy Information Center) si è schierata dalla parte del microblog ed ha chiesto a FTC (Federal Trade Commission) di eseguire un’indagine al fine di verificare che non vi siano violazioni nelle norme antitrust.

EPIC, infatti, è certa che la nuova funzionalità possa rendere visibile a chiunque le cerchi informazioni private, senza il consenso dell’interessato, favorendo inoltre i propri servizi rispetto a quelli della concorrenza sfruttando la posizione dominante in ambito dei motori di ricerca.

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek