Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

L’ira di Anonymous

venerdì 3 agosto 2012

“Scherzare con il fuoco” è stato sempre pericoloso soprattutto se, ad essere stuzzicato, è Anonymous. Gli Hacktivisti si infuriano contro una società francese che chiede il controllo del logo e dello slogan del gruppo. Anonymous risponde su YouTube minacciando un attacco DDoS.


La società francese E-Flicker è un’azienda di Parigi specializzata nel commercio online di magliette particolari e, su alcune di queste, è stato stampato il noto simbolo di Anonymous insieme allo slogan “Siamo gli Anonymous. Noi non dimentichiamo. Noi non perdoniamo. Aspettaci”.

A Febbraio, i dirigenti della società E-Flicker, hanno presentato all’INPI (Institut National De La Propriété Industrielle) tutta la documentazione necessaria al fine di ottenere il controllo del marchio nonché dello slogan degli Hacktivisti.


Chiaramente la reazione di Anonymous, nel momento in cui ha appreso la notizia, è stata furiosa ed il gruppo ha iniziato a pianificare un attacco DDoS ai danni del sito francese.

Nel video di minaccia, Anonymous, dichiara: “Le idee non sono in vendita. Il nostro nome non si vende”.

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek