Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

SafeGmail: criptare le mail con una domanda su Gmail

mercoledì 24 ottobre 2012

Generalmente, quando si invia una mail, si pensa sempre che sia un metodo di comunicazione sicuro. In effetti non lo è in quanto potrebbe esserci sempre qualcuno pronto ad intercettare i messaggi con il metodo “Man-In-The-Middle”. SafeGmail è un’ottima estensione, per Chrome, che consente di criptare le mail mediante l’algoritmo PGP (Pretty Good Privacy). La differenza con altri add-on simili è l’integrazione con Gmail ed il metodo di cifratura che avviene inserendo una domanda.



Terminata l’installazione logghiamoci nel nostro account Gmail.

Cliccando sul pulsante per scrivere una mail noteremo la presenza di un nuovo check-box, identificato sotto il link che consente di caricare gli allegati.

Mettendoci un flag, l’interfaccia di Gmail verrà modificata; il pulsante relativo all’invio della mail cambierà descrizione in “SEND + ENCRYPT” e verranno visualizzati due ulteriori campi.

A questo punto, dopo aver inserito il destinatario, l’oggetto ed il testo da inviare, per criptare il messaggio è sufficiente scrivere la domanda nel campo “Question” alla quale il destinatario della mail dovrà rispondere e, ovviamente, nel campo successivo la risposta che dovrà essere comunicata.

Terminato questo passaggio basta cliccare sul pulsante “SEND + ENCRYPT” al fine di criptare ed inviare il messaggio.

Al destinatario arriverà una mail contenente il testo criptato ed un link a cui collegarsi dal quale dovrà rispondere alla domanda digitando la risposta precedentemente comunicata dal mittente.

Per visualizzare il messaggio, quindi, sarà sufficiente copiare ed incollare il testo criptato all’interno della pagina aperta al fine di poterlo leggere in chiaro.

SafeGmail

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek