Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Malwarebytes Anti-Rootkit: un nuovo anti-rootkit dalla software house Malwarebytes

giovedì 15 novembre 2012

La software house Malwarebytes è sicuramente nota per il suo prodotto antivirale dal nome omonimo. Da poco ha rilasciato un nuovo anti-rootkit, ancora nella fase beta ed in versione portable.



Attenzione
Trattandosi di una versione beta è consigliabile utilizzare il software con molta cautela in quanto potrebbero esserci problemi di stabilità ed essere identificati falsi positivi. Una rimozione non corretta di questi ultimi potrebbe provocare seri danni al sistema operativo rendendolo inutilizzabile. Inoltre, la versione beta, scade il 10 Dicembre ma non è effettivamente chiaro se, dopo tale data, il programma rimarrà gratuito oppure verrà trasformato in prodotto commerciale e, quindi, a pagamento.

Il software
Terminato il download è sufficiente estrarre il contenuto dell’archivio ed avviare l’eseguibile.

Potrebbe essere visualizzato un avvertimento riportante la scritta: “Registry value AppInit_Dlls has been found, which may be caused by rootkit aktivity…”.

In pratica, il programma, rileva attività provenienti dalla libreria AppInit ma ciò non significa che sia causato da un rootkit.

Clicchiamo quindi sul pulsante “No” per continuare.

Per iniziare ad utilizzarlo è necessario aggiornare innanzitutto le firme antivirali scaricando le ultime definizioni disponibili.

Tale operazione è fattibile cliccando sul pulsante “Update”. Gli aggiornamenti verranno scaricati nella stessa cartella in cui risiede il software.

Al fine di avviare la scansione dei driver installati, dei settori e del sistema operativo è sufficiente cliccare sul pulsante “Scan”.

Dovessero essere trovati rootkit, per eliminarli, basterà cliccare sul pulsante “Cleanup” e riavviare il sistema operativo.

Compatibile con Windows Vista/7

Malwarebytes Anti-Rootkit (beta)

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek