Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

KakaoTalk: una valida alternativa a Whatsapp

martedì 5 febbraio 2013

Sicuramente, chi utilizza Whatsapp, avrà letto e sentito che alla scadenza della versione di prova l’applicazione diventerà a pagamento. La “tassa” per il rinnovo, se così vogliamo definirla, non è alta. Si tratta infatti di 79 centesimi da pagare annualmente ma, chi non volesse spendere tale cifra, può pensare di passare a KakaoTalk. Si tratta di un’applicazione gratuita, multipiattaforma ed uguale in tutto e per tutto a Whatsapp che in più consente di effettuare telefonate VoIP.



KakaoTalk è il mezzo di comunicazione sviluppato per smartphone più utilizzato in Corea e, a livello Europeo, sta facendosi conoscere.

Le funzioni di questa applicazione non hanno nulla a che invidiare al blasonato Whatsapp, anzi.

L’applicazione consente di inviare messaggi istantanei ad utenti singoli o gruppi che la hanno già installata e, in più, è possibile effettuare chiamate VoIP tramite connessione Internet con 3G e Wi-Fi.

Anche KakaoTalk, come Whatsapp, è ricca di personalizzazioni a livello grafico con la possibilità di scaricare temi gratuiti e a pagamento presenti all’interno della stessa app e reperibili su Google Play.

Per quanto riguarda la gestione dei messaggi è possibile inviare testi, video, foto, inserire tantissime emoticon, cancellare le conversazioni ed inoltrare i messaggi ad altri utenti.

KakaoTalk inoltre si integra perfettamente con la rubrica telefonica identificando ed inserendo, in automatico, i contatti che l'hanno installata sul proprio dispositivo.

Dopo la nostra prova siamo rimasti più che soddisfatti per quanto riguarda la semplicità, la velocità di utilizzo, la messaggistica e le chiamate VoIP e siamo certi che valga assolutamente la pena provare KakaoTalk prima di procedere con un eventuale pagamento a Whatsapp.

Infine, l’applicazione, è completamente priva di banner pubblicitari.

KakaoTalk (Google Play)
KakaoTalk (Sito ufficiale)

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek