Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

6 metodi per inviare mail criptate

sabato 27 aprile 2013

Se avete la necessità di inviare dati sensibili utilizzando la mail è sempre meglio criptare tali informazioni ed evitare di usare la “normale” posta elettronica in quanto, i messaggi, sono inviati in chiaro e soggetti quindi ad intercettazioni da parte di malintenzionati con il metodo “Man In The Middle”. Di seguito abbiamo raccolto alcune soluzioni per inviare mail criptate.



Infoencrypt
E’ un servizio web-based. E’ sufficiente inserire il testo del messaggio nonchè la password per proteggere quanto si desidera inviare. Il programma utilizza un algoritmo di cifratura molto forte che rende sicure le mail.

SafeGmail
Abbiamo già pubblicato questo post in merito. Si tratta di un’estensione sviluppata per Chrome che permette di inviare mail cifrate in maniera semplice e veloce sfruttando il servizio Gmail.

RMail
Altro servizio web-based che permette di inviare mail in maniera semplice e sicura. E’ possibile inviare mail cifrate dal proprio indirizzo di posta elettronica ma in maniera limitata (10 messaggi gratuiti al mese).

Sendinc
Anche questo è un servizio basato sul web. I messaggi vengono cifrati con una chiave molto forte, generata casualmente, inviata ai destinatari sottoforma di link.

Hushmail
Ancora un servizio web-based che aggiunge una cifratura molto forte alle mail inviate. Fornisce anche un accesso ai dispositivi mobili. Necessita di registrazione.

Lockbin
I messaggi e gli allegati sono cifrati con l’algoritmo AES 256 bit. La versione free permette di inviare messaggi con allegati fino a 15 MB che restano disponibili per un mese. E’ possibile scaricare il software sviluppato in Java “Lockbin” per desktop nonchè un plugin utilizzabile con Microsoft Outlook.

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek