Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Facebook: messaggi a pagamento? No, anzi, si

sabato 13 aprile 2013

Facebook sta attivando un nuovo meccanismo di invio di messaggi a pagamento che permetterà a, qualunque utente, di inviare messaggi anche a chi non fa parte della propria cerchia di amici. Il nuovo sistema, ormai quasi pronto, consentirà a mettersi in contattato anche con VIP a livello nazionale ed internazionale.



La cifra per inviare i messaggi dovrebbe variare tra 1,00 e 15,00 Euro.

I responsabili del social network in blu hanno motivato l’avvio di questa nuova funzionalità con lo scopo di offrire un'opportunità “particolare” a tutti coloro che hanno la necessità di interagire con persone importanti garantendo però, a queste ultime, un livello di protezione antispam.

Un portavoce di Facebook spiega infatti che, soltanto chi sarà “fortemente motivato” a contattare un VIP, sarà disposto a versare la “tassa”.

I messaggi provenienti dai mittenti non presenti nella propria lista di amicizia vengono salvati nella sezione “Altri”, controllata raramente da chi possiede un account Facebook.

La nuova funzionalità a pagamento, invece, consentirà di superare tale limitazione in quanto i messaggi saranno recapitati direttamente nella “posta in arrivo” ottenendo, in questo modo, la massima visibilità.

Nonostante si sia parlato di misura antispam, nonché di opportunità per gli utenti, il nuovo sistema presentato da Mark Zuckerberg ha l’obiettivo più che evidente di monetizzare ulteriormente il traffico generato all'interno del social network in blu.

Infine, uno dei parametri per quantificare l’esborso richiesto, sarà la popolarità del destinatario. Più la persona da contattare sarà famosa ed apprezzata e maggiore sarà il pagamento chiesto all'utente per l'invio della comunicazione.

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek