Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Maxisequestro di portali di file-sharing in Italia

mercoledì 17 aprile 2013

Dalle piattaforme di file-hosting Uploaded e Rapidgator per arrivare ai servizi di streaming Nowvideo e Videopremium. E’ stata avviata una maxi operazione della Polizia Postale, su ordine del GIP al Tribunale Ordinario di Roma, dietro richiesta dei legali di Sunshine Pictures (distributore italiano del film d'animazione francese "Un Mostro a Parigi").



La Procura della Repubblica ha predisposto un ordine di sequestro preventivo nei confronti di 27 portali italiani ed esteri.

L'indagine della Polizia Postale di Roma è durata circa un mese e si è conclusa con la richiesta del PM di oscurare 27 portali mediante blocco a livello di DNS ed un provvedimento da notificare a tutti i gestori italiani al fine di inibirne gli accessi.

L’avvocato Sarzana dichiara: “si tratta, per entità ed estensione, della più grande operazione di sequestro di contenuti su Internet in un paese occidentale, seconda solo all'operazione di sequestro di domini adottata dal dipartimento dell'Homeland Security (DHS) statunitense nel novembre 2010, che aveva portato al sequestro di 70 portali”.

E continuando: “I portali interessati sono Nowvideo, Nowdownload, Videopremium, Rapidgator, Bitshare, Cyberlocker, Clipshouse, Uploaded, giganti del web che radunano milioni di utenti in tutto il mondo, solo per citarne alcuni. Il provvedimento inibisce l’accesso ai portali da parte dei cittadini italiani, ma il Pubblico Ministero ha anche richiesto un vero e proprio sequestro dei domini associati ai portali citati, misura cautelare che è stata adottata, a quanto si legge nel provvedimento, in virtù di un solo file ritenuto illegale”.

La società denunciante avrà naturalmente le sue buone ragioni, e così naturalmente il Magistrato che ha emesso il provvedimento”, spiega l’avvocato, “ma ci si chiede il perché 27 portali mondiali nella loro interezza, con milioni di file anche privati e che raggruppano milioni e milioni di utenti, siano stati resi inaccessibili a milioni di cittadini italiani, per un solo cartone animato”.

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek