Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Guida a LBE Privacy Guard: gestire i permessi delle applicazioni su Android

sabato 15 giugno 2013

LBE Privacy Guard è un’ottima applicazione, gratuita e sviluppata per Android, che consente di gestire i permessi delle applicazioni scegliendo, per ogni programma, quali autorizzazioni bloccare o consentire proteggendo così al meglio la Privacy di tutti i dati presenti nel dispositivo. L’applicazione, per poter funzionare, necessita dei permessi di root.



LBE Privacy Guard, una volta installato, è in grado di riconoscere le applicazioni relative al sistema operativo e concedere automaticamente i permessi che non costituiscono una minaccia.

Nella schermata principale di LBE Privacy Guard troviamo tre pulsanti:

  1. Internet Firewall 
  2. Permission Manager 
  3. Settings 

Settings
Le prime due impostazioni “Report anonymous usage” e “Send error reports” possono essere lasciate come da default su “Off” per evitare l'invio di dati anonimi e log di errori.

“Notification icon” e “Start automatically at phone boot” consentono di scegliere se visualizzare una notifica dell’applicazione nella barra di stato e se avviarla automaticamente nel momento in cui si accende il dispositivo.

Internet Firewall
Tappando su questo pulsante, l’applicazione, visualizza un grafico con l’indicazione dell'utilizzo del collegamento di rete (sia connessione dati che Wi-Fi).

Selezionando la voce “Disable Mobile Network” è possibile fare in modo che risulti impossibile accedere al collegamento dati fornito dal proprio gestore telefonico.

Diversamente selezionando “Settings”, digitando un nome per il piano tariffario in corrispondenza della voce “Data Plan” e specificando il quantitativo di dati trasferibile (voce “Adjust monthly data usage”), verrà visualizzato un allarme nel momento in cui ci si avvicinerà a tale soglia.

Tappando sulla voce “Permission” è possibile verificare le applicazioni che richiedono l’accesso alla Rete mentre, togliendo il flag dalla colonna “Internet Permission”, è possibile revocare il permesso.

Permission Manager
La sezione più importante di LBE Privacy Guard però è, senza dubbio, “Permission Manager” in quanto racchiude l’elenco dei permessi utilizzati dalle applicazioni installate.

Facendo un tap su un permesso sarà possibile decidere, per ciascuna applicazione, se consentirne o meno l’autorizzazione.

Tappando su “Apps”, invece, è possibile visualizzare l’elenco dei permessi richiesti da ogni singola applicazione ed eventualmente personalizzarli al meglio.

Le scelte possibili sono tre:

  1. Allow: autorizza il permesso 
  2. Prompt: provoca la comparsa di un messaggio d’avviso che chiede all’utente come comportarsi con il permesso 
  3. Deny: blocca il permesso 

Mettendo un flag al check-box “Trust” l’applicazione in questione viene indicata come “fidata e, qualsiasi permesso dovesse essere richiesto da quest’ultima, verrà autorizzato automaticamente.

Infine, “Event log”, contiene il registro degli eventi costantemente aggiornato. Facendo riferimento a questa voce è possibile verificare gli interventi applicati da parte di LBE Privacy Guard alle varie applicazioni monitorate.

Chiaramente, affinchè LBE Privacy Guard lavori correttamente, ricordiamo che è bene verificare che sia sempre in esecuzione (vedi “Start automatically at phone boot” alla voce “Settings”).

LBE Privacy Guard

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

3 commenti:

  1. A mio avviso, considerandola un firewall a 360°, è una delle migliori presenti sullo Store. Gratuita e ads free. Peccato che non venga più sviluppata da tempo e che la sezione dedicata al piano tariffario sia decisamente poco personalizzabile.

    RispondiElimina
  2. @mgy
    Eventualmente per il piano tariffario c'è l'ottimo 3G watchdog sullo Store. Comunque facendo una prova di 30 giorni con LBE e 3gW non ho riscontrato differenze rilevanti di dati.

    RispondiElimina
  3. Visto che siamo in tema a mio avviso uno dei migliori (che è poi quello che uso è my data manager https://play.google.com/store/apps/details?id=com.mobidia.android.mdm&hl=it
    freeware ed ads free.
    Il blasonato 3G Watchdog offre le stesse cose (forse meno) ma solo nella versione a pagamento.
    Tornando a LBE il piano dati non pecca di precisione ma di personalizzazione. 1 non si possono impostare soglie giornaliere e con 3 è indispensabile 2 non consente di disconnettere i dati al raggiungimento della soglia impostata ma scatta solo l'avviso, che a volte potrebbe sfuggire. Ed è una limitazione non da poco, addirittura paradossale se pensiamo che si tratta in sostanza di in firewall. Probabilmente se fosse continuato lo sviluppo, avrebbero implementato la funzione di blocco. E' un vero peccato che lo sviluppatore l'abbia (almeno sembrerebbe) abbandonata. Ciao, stai bene!

    RispondiElimina

L'archivio di TechnoGeek