Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Tre metodi per scoprire se il Provider limita la connessione Internet

venerdì 21 giugno 2013

Alcuni Provider, nel momento in cui forniscono la connessione per navigare in Rete, dichiarano una determinata velocità ma poi ne applicano una più bassa rispetto a quella citata nel contratto. Se il fornitore non è corretto oppure con il passare del tempo ha modificato tacitamente le condizioni dell’abbonamento, e si è certi di non avere problemi tecnici che influiscono negativamente con la connessione nonché di aver settato perfettamente i vari client P2P, è possibile verificare se viene applicata una limitazione.



Glasnost 
E’ un servizio sviluppato ad-hoc che consente di analizzare il traffico dati tra il proprio computer ed il server di Glasnost per verificare che il fornitore non stia limitando la banda.

Colleghiamoci alla pagina dedicata e indichiamo, alla voce “Select a Glasnost test to run”, l’applicazione da testare avviando la verifica agendo sul pulsante “Start testing”.

E’ necessario eseguire il test con la connessione completamente libera (ovvero non occupata da altri programmi in esecuzione) e dura circa 10 minuti.

Se compaiono le seguenti diciture in colore verde:
There is no indication that your ISP rate limits your uploads
There is no indication that your ISP rate limits your downloads
significa che il Provider non sta applicando limiti di banda.

MeasurementLab (M-Lab) 
Si tratta di un altro servizio, gratuito, che fornisce una serie di strumenti che consentono di determinare le prestazioni della propria connessione.

Tra questi troviamo ShaperProbe che però, purtroppo, non supporta Windows 7. Scarichiamo l’eseguibile “ShaperProbe.exe”, avviamolo e facciamo partire il test cliccando sul pulsante “OK”.

Anche in questo caso è necessario che la connessione sia totalmente disponibile. Il test dura circa 5 minuti.

Nel caso in cui alla voce “Checking for traffic shapers” vengono visualizzate le seguenti diciture:
Upstream: No shaper detected
Downstream: No shaper detected
significa che il fornitore non sta limitando la banda.

Speedtest 
Il terzo metodo che offre la possibilità di verificare eventuali limitazioni in up e download della banda è il servizio Speedtest.net.

Per scoprire eventuali limitazioni applicate, ed ottenere il risultato più attendibile, suggeriamo di effettuare il test almeno 2 o 3 volte al giorno per un periodo di 30 giorni confrontando, al termine, le velocità in up e download rilevate.

Come negli altri due casi, anche in questo, è necessario che le misurazioni vengano eseguite nel momento in cui la connessione risulti completamente libera da programmi che impegnino la Rete.

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek