Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Bitdefender Safepay: transazioni online in massima sicurezza

mercoledì 3 luglio 2013

Quando si effettuano transazioni online utilizzando la carta di credito si corrono diversi rischi. Quelli principali avvengono nel momento in cui il computer utilizzato è monitorato da keylogger oppure quando ci si connette ad una rete Wi-Fi aperta, non protetta adeguatamente, compromessa o, nel peggiore dei casi, crackata.



Bitdefender Safepay è un browser, rilasciato dalla nota software house gratuitamente, che consente di rendere sicure le transazioni online per merito di una serie di funzionalità integrate tra cui l’esecuzione all’interno di una sandbox.

Si tratta di un ambiente virtuale completamente isolato dal sistema operativo in modo tale che, eventuali malware o virus, non possano compromettere il sistema operativo.

Terminata l’installazione è necessario, solamente per la prima esecuzione, accedere con un account “MyBitdefender”, Facebook, Google oppure Microsoft.

Il programma, in automatico ed ogni volta che lo si avvia, esegue una scansione veloce del disco fisso prendendo in considerazione i processi in esecuzione, le aree critiche ed i files di sistema sensibili al fine di individuare eventuali malware o virus che potrebbero minacciare l’attività.

Terminata la verifica viene visualizzato un messaggio riportante la dicitura: “Your session is safe” con cui, Bitdefender Safepay, notifica all’utente che la sessione Internet è sicura e viene mandato in esecuzione il browser.

A sinistra della barra indirizzi troviamo l’icona che consente di aprire la tastiera virtuale anti-keylogger da utilizzare per digitare i dati sensibili in completa sicurezza.

Per accedere alle opzioni del browser, invece, è sufficiente cliccare sul pulsante a forma di ingranaggio per trovare all’interno le impostazioni abilitate di default relative alla sicurezza online.

Compatibile con Windows XP/Vista/7/8

Bitdefender Safepay

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek