Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Come accedere ai siti bloccati senza utilizzare Proxy o TOR

lunedì 28 ottobre 2013

Abbiamo visto che, ultimamente, molti siti dedicati alla condivisione sono stati oscurati. Esiste un metodo che consente di accedervi anche senza utilizzare Proxy oppure la rete TOR e senza la necessità di modificare i DNS o le impostazioni del router.


CoralCDN è una rete di distribuzione di contenuti, basata sulla tecnologia peer-to-peer, costituita da una rete di Proxy e DNS a livello mondiale.

Questa rete sfrutta la banda condivisa da utenti volontari i quali ridistribuiscono il traffico di tutti quei siti che utilizzano tale sistema. In questa maniera, CoralCDN, replica il contenuto del sito a cui si è fatta richiesta di connessione indipendentemente dalle risorse fornite da quest’ultimo.

Per aggirare quindi eventuali blocchi (ma anche intasamenti dovuti all’eccessivo traffico) è sufficiente aggiungere il suffisso “Nyud.net” al nome host dell’indirizzo desiderato ottenendo, così, il reindirizzamento verso la web cache Coral la quale consente di trasferire i dati velocemente e senza doverli caricare dal server in cui risiede il sito originale.

In pratica, se un sito non risulta accessibile oppure disponibile, bisogna procedere aggiungendo il suffisso “.nyud.net” (chiaramente senza virgolette) all’URL in questione come da esempio sotto riportato:

URL originale: http://benzene4ever.blogspot.it
URL modificato: http://benzene4ever.blogspot.it.nyud.net 

CoralCDN mette anche a disposizione un'estensione dedicata a Firefox (purtroppo non compatibile con l’ultima release del browser) nonché un bookmarklet al fine di poter utilizzare la rete Coral con un semplicissimo click.

Non garantiamo, infine, l’accesso a tutti i siti oscurati in quanto dipende molto dal tipo di blocco applicato ma può essere una buona alternativa per molte situazioni senza dover necessariamente utilizzare Proxy o TOR.

Per maggiori approfondimenti vi rimandiamo al sito ufficiale del progetto.

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek