Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

OneTimeBox: creare una cartella pubblica per condividere files

sabato 19 ottobre 2013

OneTimeBox è un nuovo servizio sviluppato all’interno della competizione “HackMIT” ed organizzata dalla “Massachusetts Institute of Technology”, una tra le più importanti università di ricerca a livello internazionale, che consente di creare una cartella pubblica in Rete per condividere i propri files.


Il funzionamento di OneTimeBox è semplicissimo in quanto si riduce a trascinare i vari files che si desiderano condividere nello spazio “cloud” all’interno dell’interfaccia.

Al fine di creare un nuovo spazio di archiviazione è sufficiente cliccare sul pulsante “Create your Box” per visualizzare, nella barra degli indirizzi del browser, l'indirizzo che permetterà di accedere da qualsiasi dispositivo connesso alla Rete.

Terminato il caricamento dei documenti, all’interno della sezione “Uploaded files”, apparirà l’elenco dei files presenti nella cartella pubblica di OneTimeBox che si potranno condividere tramite il “classico” link fornito dal servizio.

OneTimeBox, per il momento, non dispone di un’applicazione installabile sui dispositivi mobili ma è sempre possibile, collegandosi al link che trovate a fine post con il browser dello smartphone o del tablet, creare nuove cartelle pubbliche ed accedere al contenuto di quelle esistenti.

Da notare che tutti coloro che sono a conoscenza del link diretto che punta alla cartella pubblica hanno la possibilità non solo di scaricare tutti i files presenti nella stessa ma anche di eliminarli.

Attenzione
Come sempre suggeriamo, se avete intenzione di caricare files privati o comunque contenenti dati sensibili, di criptarli con Cloudfogger oppure AxCrypt. Chiaramente, tutte le persone che avranno la necessità di accedere ai documenti, dovranno essere a conoscenza della password.

OneTimeBox

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek