Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

La guida definitiva per rendere portable Microsoft Office (e qualsiasi altro programma)

sabato 14 dicembre 2013

Rendere portable la nostra versione di Microsoft Office 2007 Student è stata un'operazione che, all'inizio, ci è sembrata impossibile da raggiungere. Le ricerche in Rete, la caparbietà e la voglia di riuscirci sono state però ampiamente premiate. Siamo quindi più che orgogliosi di condividere con tutti i nostri lettori la guida definitiva per rendere portable qualsiasi programma voi desideriate.


Occorrente
  • una macchina virtuale (VirtualBox va benissimo) 
  • il CD di Windows XP SP 3 da installare all'interno di VirtualBox 
  • una versione funzionante di VMware ThinApp (funzionante intesa con regolare licenza d'uso in quanto, la versione trial, produrrebbe applicazioni portable funzionanti solo per 60 giorni) 
  • il CD di Microsoft Office 2007 Student (o un qualsiasi programma che volete rendere portable) 

Nota 
Chi dispone di Windows 7 Professional può utilizzare la funzione integrata “Windows XP Mode” evitando l'installazione di VirtualBox e del sistema operativo Windows XP SP 3. 

VirtualBox e la virtualizzazione di Windows XP SP3 
Installiamo VirtualBox (rimandiamo alla guida dedicata per chi non sapesse come impostare i vari parametri del programma) configurando la macchina virtuale con il sistema operativo Windows XP SP3 (chi non sapesse come eseguire la procedura può fare riferimento alla guida su come installare Windows 8 in VirtualBox).

Nel sistema operativo virtuale evitiamo di installare aggiornamenti e antivirus.

L'unica attenzione è quella di prevedere un disco virtuale di almeno 20 GB impostando come CD della macchina virtuale quello della macchina reale.

VMware ThinAPP
Terminata la preparazione del sistema operativo virtuale installiamo, al suo interno, VMware ThinAPP ed avviamo il file “Setup Capture” (non chiedeteci dove trovare la versione “curata” del software in quanto è sufficiente una veloce ricerca su Google per trovare la risposta).

Da programma installato a portable 
La procedura di VMware ThinAPP prevede 5 fasi tutte in sequenza.

Agendo sul pulsante “Next” si avvia la fase di pre scansione.

Clicchiamo quindi il pulsante “Prescan” per iniziare.

In questa prima fase viene eseguita una “fotografia” dello stato iniziale del disco fisso virtuale e del registro di sistema.

Terminato questo step dobbiamo passare all'installazione del software che desideriamo rendere portable.

Inseriamo quindi il CD di Microsoft Office 2007 Student nel lettore, avviamo l'installazione ed attendiamo la fine della procedura.

Terminata anche questa fase si continua con il “Postscanning” dove viene nuovamente “fotografato” il disco fisso ed il registro di sistema per poterne evidenziare le differenze con lo stato iniziale (quello cioè prima dell'installazione di Microsoft Office).

A questo punto selezioniamo i files eseguibili che vogliamo trasformare in portable.

Specifichiamo gli utilizzatori

Specifichiamo la modalità del File System (“Full” oppure “Restricted”)

Specifichiamo la posizione della Sandbox

Specifichiamo se inviare statistiche a VMware o meno

Specifichiamo il nome del progetto e la posizione in cui verrà salvato

Specifichiamo se i dati devono essere contenuti in uno dei programmi eseguibili o esternamente.

In questa sezione abbiamo optato per la creazione del file “.dat” separato in quanto, software molto grossi come Microsoft Office, hanno una mole enorme di dati.

Salviamo quindi il progetto predisponendolo per la compilazione finale (che verrà eseguita durante la fase di “Build”).

Terminata anche quest'ultima fase troveremo la cartella contenente il nostro Microsoft Office 2007 Student in versione portable in quella scelta in precedenza.

Da notare che i files eseguibili sono inseriti nella cartella “bin”. E' quindi possibile creare il collegamento agli stessi nella cartella principale per averli immediatamente a portata di click.

Teniamo infine a precisare che, ogni qualvolta si vorrà rendere portable un programma, sarà necessario “ripulire” il disco fisso virtuale disinstallando eventuali software installati in precedenza per poter ripartire con un sistema operativo "nuovo" ed avere la possibilità di selezionare solo il software desiderato dopo la fase di “Postscanning”.

Con questa procedura si avrà la possibilità di rendere portable qualsiasi software si desideri.

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek