Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Facebook acquista WhatsApp. Addio alla Privacy?

venerdì 21 febbraio 2014

Desideriamo condividere questa news perchè, come tutti i nostri lettori ben sanno, teniamo molto alla Privacy e sicuramente l'acquisizione da parte di Facebook della nota applicazione di messaggistica istantanea metterà in allarme i più attenti e scrupolosi.


Facebook ha acquistato WhatsApp per 19 miliardi di Dollari.

La società di Mark Zuckerberg, in base agli accordi stabiliti, pagherà 12 miliardi di Dollari in azioni a cui si aggiungeranno 4 miliardi di Dollari in contanti e 3 miliardi di Dollari in azioni vincolate per i fondatori e dipendenti di WhatsApp.

Con questa mossa inoltre, Zuckerberg, si assicura circa 450 milioni di utenti attivi mensilmente e sicuramente risulta essere un bel salto di qualità nel settore mobile.

Nel post pubblicato sul blog ufficiale di Whatsapp, è stato precisato che i termini dell'accordo prevedono che la società resti indipendente da Facebook e lo stesso CEO di WhatsApp entrerà a far parte del consiglio di amministrazione della società controllante lasciando inalterate le funzionalità dell'applicazione.

Ma se leggiamo bene tra le righe, secondo l'idea e l'opinione che ci siamo fatti, lo scopo finale è ben diverso.

  • Zuckerberg vuole ampliare ancora di più il proprio database di utenti ed informazioni 
  • vuole tentare di monopolizzare i servizi "social" 
  • vuole arrivare a possedere le rubriche telefoniche degli utenti di WhatsApp ed incrociarle con i dati già in suo possesso per poi rivendere il tutto a società di advertising

Sicuramente una mossa astuta da parte del CEO del social network in blu ma la contropartita, per l'utenza di WhatsApp, potrebbe risultare molto alta.

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

2 commenti:

  1. E' sempre peggio e la colpa è NOSTRA che usiamo FB e che lo abbiamo reso immenso a livello mondiale.
    Chi è causa del suo mal pianga se stesso....

    RispondiElimina

L'archivio di TechnoGeek