Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Diritto all'oblio: come richiedere la rimozione dei link a Google

mercoledì 11 giugno 2014

La sentenza della Corte Europea nr. 131/12 ha stabilito che, i motori di ricerca, sono responsabili dei dati personali delle persone che vengono pubblicati su siti di terzi. Di conseguenza, qualora tali dati fossero trovati in Rete e ne recassero danni, la persona interessata ha il diritto di richiederne la rimozione.


E' il così detto "Diritto all'oblio" ovvero il diritto che alcuni dati non vengano diffusi o, interpretando la frase in senso più ampio, il diritto di essere dimenticati.

Per il momento, il motore di ricerca interessato, è Google che è stato chiamato in causa da uno spagnolo affinché dai risultati di ricerca venissero rimossi alcuni link che lo riguardavano in una ormai passata vicenda giudiziaria pubblicata nella pagina Internet di un noto quotidiano del suo Paese.

Google ha quindi messo a disposizione un modulo sviluppato ad hoc e raggiungibile collegandosi a questa pagina tramite cui, chiunque ne abbia la legittimità, può chiedere la cancellazione dei link dai risultati di ricerca che "includono il loro nome, qualora tali risultati siano inadeguati, irrilevanti o non più rilevanti, o eccessivi in relazione agli scopi per cui sono stati pubblicati".

Il modulo richiede il Paese di provenienza, il nome, il cognome, l'indirizzo mail nonchè l'indirizzo o gli indirizzi di cui si richiede la rimozione specificando per ognuno di essi la motivazione della cancellazione dal motore di ricerca di Mountain View.

E' necessario inoltre fornire un documento di identità valido che servirà a Google al fine di autenticare la richiesta di rimozione (la copia del documento verrà eliminata entro un mese dalla chiusura della pratica relativa alla richiesta di rimozione) ma non si ha ancora modo di sapere quanto tempo Google impiegherà ad eseguire la cancellazione dei link dai risultati di ricerca.

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek