Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Quick Crypt: criptare files che si autodistruggono

venerdì 11 luglio 2014

Quando dobbiamo condividere documenti contenenti dati sensibili con altre persone è sempre bene criptarli in modo tale da tenere lontani occhi troppo indiscreti. Quick Crypt è un software gratuito e portable che però, rispetto ad altri, ha una marcia in più.

Il programma è infatti dotato di una funzionalità che applica una scadenza al file criptato il quale, dopo un certo numero di giorni impostati, viene distrutto automaticamente.

Criptare i files 
Lanciando Quick Crypt è necessario innanzitutto abilitare l'opzione "Encrypt File" selezionando il radio button dedicato e alla voce "Target File" indicare il file che si intende proteggere.

Proseguiamo digitando la password, immettendola nuovamente e volendo, nel campo "Password Hint", inserendo un suggerimento che aiuti a ricordare la password nel caso in cui la si dimenticasse.

Se non abbiamo l'intenzione di distruggere automaticamente il file, ma solo di criptarlo, basta cliccare il pulsante "Encrypt File" ed aspettare il termine della procedura per avere una copia criptata del documento da condividere.

Autodistruzione (facoltativa)
Se invece desideriamo applicare una scadenza al file per attivare l'autodistruzione dopo un tot di giorni bisogna, prima di criptarlo, spostarsi sulla scheda "Advanced" e alla voce "File Expires" selezionare dopo quanti giorni il file si dovrà autodistruggere.

Terminato questo step opzionale clicchiamo sul pulsante "Encrypt File" per criptarlo.

Decriptare files
Al fine di decriptare i files protetti con Quick Crypt è necessario, logicamente, utilizzare quest'ultimo. Procediamo avviando il programma, selezionando il radio button "Decrypt File" e specificando nel campo "Target File" il documento da sbloccare.

Non rimane quindi che inserire la password scelta in precedenza, confermare e proseguire cliccando sul pulsante "Decrypt File".

Compatibile con Windows Vista/7/8/8.1

Quick Crypt

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek