Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Timelapse: cos'è e come eseguirlo su Android

sabato 11 ottobre 2014

Quante volte avete letto o sentito la parola "Timelapse". Ma che cos'è? Si tratta di una tecnica in cui la frequenza di cattura di ciascun fotogramma che compone il video è molto più bassa rispetto a quella di riproduzione.


E' solitamente utilizzata in ambito fotografico in quanto permette di condensare, in sequenze di pochi secondi o pochi minuti, delle riprese eseguite lasciando la fotocamera in posizione per molte ore.

Inoltre, grazie al timelapse, è possibile evidenziare molti dettagli che normalmente ad occhio nudo non sarebbe possibile individuare in quanto impercettibili.

La tecnica del timelapse è molto utilizzata per filmare ad esempio una goccia d'acqua che cade e che "rimbalza" a terra, un fiore che sboccia, il sorgere dell'alba, il movimento delle stelle, l'avanzamento di lavori e via discorrendo.

Nel video sotto riportato potete vedere un esempio.


Framelapse Tra le migliori applicazioni per realizzare timelapse su Android troviamo sicuramente Framelapse.

Esistono due versioni: una gratuita senza pubblicità e l'altra a pagamento che integra funzionalità aggiuntive.

Unico requisito per utilizzare Framelapse è la presenza del sistema operativo Android 4.0. Framelapse consente di effettuare scatti ogni 0,1/0,5/1/5/10/15/30 nonchè 60 secondi offrendo comunque la possibilità di personalizzare la frequenza di scatto.

E' possibile impostare la durata massima del video e le risoluzioni supportate sono 1080p, 720p per poi diminuire.

L'applicazione unisce in maniera automatica le immagini scattate periodicamente producendo un video in formato MP4.

Al fine di salvare spazio nella scheda di memoria, Framelapse, non memorizza le immagini ma le riunisce tutte nel video.

Framelapse integra inoltre delle regolazioni per il bilanciamento del bianco quali automatico, incandescente, fluorescente, luce diurna e luce diurna con cielo nuvoloso.

Nell'interfaccia principale, nella colonna sinistra, troviamo le principali regolazioni dell'applicazione:
  • la prima icona in alto consente di visualizzare i video registrati e di accedere alla galleria multimediale 
  • la seconda consente di impostare la risoluzione video 
  • la terza offre la possibilità di impostare la frequenza di scatto 
  • la quarta e la quinta consentono di impostare la durata massima del video, la modalità autofocus, il bilanciamento del bianco, gli effetti nonchè l'esposizione. 

E' importante sottolineare che, per le registrazioni lunghe, sarà necessario avere un'autonomia in termini di batteria ottimale oppure avere la possibilità di collegare il dispositivo ad una presa elettrica.

Infine, toccando il pulsante circolare, potremo avviare la registrazione.

Framelapse

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek