Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

SecuBrowser: navigare in Rete protetti dalle minacce

giovedì 6 novembre 2014

I rischi di essere infettati da virus o malware sono veramente molti quando si naviga in Rete soprattutto se si frequentano siti particolari oppure si cercano patch, keygen e seriali per sbloccare software a pagamento.


Al fine di rafforzare la protezione è possibile utilizzare SecuBrowser. Si tratta di un software gratuito che avvia il browser di default all'interno di una sandbox per evitare che eventuali virus, malware o altre minacce infettino il computer.

Terminata l'installazione sarà necessario riavviare il sistema operativo.

Sul Desktop verrà aggiunta l'icona dedicata "Run Web Browser Sandboxed" attraverso la quale sarà possibile avviare automaticamente il browser predefinito all'interno della sandbox virtuale.

Tutte le modifiche apportate al sistema operativo durante la sessione Internet verranno salvate all'interno della sandbox nella cartella "C:\sbox\nomeutente".

All'interno di queste modifiche potrebbero quindi trovarsi anche virus o malware che però non andranno a danneggiare il computer.

Ad ogni avvio di SecuBrowser verrà visualizzata una finestra con il messaggio "Delete the sandbox?" proprio per fare in modo che, eventuali minacce, vengano eliminate completamente dalla cartella "C:\sbox\ nomeutente" garantendo così la sicurezza.

Tale procedimento automatizzato è possibile anche eseguirlo manualmente semplicemente mettendo un flag alla voce "Delete Downloads files too" e confermando la modifica cliccando sul pulsante "Yes".

Infine, se si desidera verificare che il browser stia girando in modalità protetta, è sufficiente cliccare con il pulsante destro del mouse sulla barra del titolo della finestra.

Nel menu contestuale verrà visualizzata la voce "(s) SANDBOXED" che significherà che il browser sta girando in area protetta.

Compatibile con Windows XP/Vista/7/8/8.1

SecuBrowser

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek