Condizioni d'uso, diritti d'autore, disclaimer e commenti. Leggi il regolamento >>

Clueful Privacy Advisor: proteggersi dalle applicazioni troppo invasive di Android

martedì 16 dicembre 2014

Quando si decide di installare un’applicazione sul proprio dispositivo è molto importante verificare quali sono i permessi di cui necessita per il funzionamento. Infatti quello che manca ancora ad oggi, a nostro parere, è un programma preinstallato che permetta all'utente di controllarli ed eventualmente disattivarne alcuni.

Spesso e volentieri le applicazioni sviluppate come ad esempio un semplice gioco chiedono il permesso di effettuare chiamate, accedere alla rubrica e all’account di Google, rilevare la posizione ed altro ancora.

E’ sempre buona regola quindi, prima di effettuare il download e l’installazione, verificarne i permessi richiesti.

Un’applicazione che permette di avere una panoramica generale sui permessi utilizzati dalle applicazioni installate su Android è Clueful Privacy Advisor.

Sviluppata dalla nota software house BitDefender, l’APK, recupera la denominazione di tutte le applicazioni installate e si collega ai database della società sviluppatrice al fine di stabilire se possano esserci problemi a livello di Privacy e di riservatezza dei dati memorizzati nel dispositivo.

Appena avviata Clueful Privacy Advisor scansiona le applicazioni installate, effettua le opportune verifiche sui server di BitDefender e visualizza un giudizio complessivo.

Più il punteggio si avvicina al valore 100 e meno le applicazioni installate possono rappresentare un “problema” per la Privacy ed i dati salvati.

Selezionando “Low risk apps”, “Moderate risk apps”, “High risk apps” e “See all installed applications” è possibile verificare le applicazioni che possono costituire una minaccia ed i loro permessi.

Chiaramente, la decisione finale di disinstallazione, sarà a discrezione dell’utilizzatore in quanto alcune segnalazioni di Clueful Privacy Advisor dovrebbero essere verificate con attenzione.

E’ infatti più che logico che, ad esempio, un navigatore abbia la possibilità di verificare la posizione geografica o che un’applicazione dedicata alla grafica acceda alle foto presenti nel dispositivo.

Clueful Privacy Advisor

"Consigliamo, prima di utilizzare software che potrebbero modificare la configurazione del sistema operativo, di creare un’immagine del disco fisso ed eseguire un backup dei dati"

Nessun commento:

Posta un commento

L'archivio di TechnoGeek